Missari o cappellani; missari e curati

Hai domande sulla legislazione ecclesiastica e il diritto canonico dei sacramenti? Hai bisogno di aiuto per la lettura degli atti dell'anagrafe ecclesiastica? Questo è il posto giusto per le tue richieste.


Moderatori: Kaharot, Staff

Rispondi
Avatar utente
darioroat
Livello1
Livello1
Messaggi: 245
Iscritto il: domenica 8 maggio 2016, 19:33
Località: Trento Via Aosta 16
Contatta:

Missari o cappellani; missari e curati

Messaggio da darioroat »

Gentile Forum,
nel testo di Salvatore Piatti, francescano, " Pergine- vita e cammino di una comunità cristiana", nell'elencare i curatori di anime del paese di Ischia ( Pergine Valsugana) li distingue in Missari o cappellani( in una altra parte del testo scrive, invece, " Vengono distinti quali Missari e Curati), curati, aggiungendo infine i parroci.
Ischia è diventata parrocchia solo dal 1949. Ischia era il paese di provenienza dei miei ascendenti paterni.
Non sono riuscito a trovare il significato di " missario". Il missario è eguale al cappellano e al curato? o c'è una differenza di ruoli e competenze? C'è qualche errore tipografico nel testo?" E" od "o" non sono la stessa cosa.
Grazie per la risposta.
Dario Roat
Giorgio(1563)-Giorgio(1589)-Giacomo(1622)-Giacomo(1652)-Andrea(1703)-Giacomo(1731)-Antonio(1767)-Cristoforo(1804)-Daniele(1855)-Amerigo(1898)-Dario(1940)-Enrico(1970)

Colligite fragmenta ne quid pereat (Gv 6,12)

Avatar utente
bigtortolo
Staff
Staff
Messaggi: 5401
Iscritto il: venerdì 14 novembre 2008, 10:42
Contatta:

Messaggio da bigtortolo »

Vittore

Kaharot
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2665
Iscritto il: domenica 24 giugno 2012, 16:23
Contatta:

Messaggio da Kaharot »

Il missario è quasi la stessa cosa del cappellano ma non è il curato. Il curato, infatti, è quello che ha la "cura animarum", ossia il sacerdote che ha la "giurisdizione" sul popolo che vive in un dato territorio (diciamo che è una figura assimilabile al parroco).
Il cappellano, in termini strettamente etimologici, è quello che ha la cura di una cappella, cioè di un altare all'interno della chiesa. E in questa cappella provvede a celebrare le messe, soprattutto i legati. Prima, infatti, esisteva un istituto giuridico-canonico per cui una famiglia poteva "legare" una parte dell'eredità alla celebrazione di messe, scegliendo anche l'altare su cui celebrarle o il sacerdote che doveva celebrarle. I soldi del legato venivano esatti dai proventi di terreni e case (ecco perché le chiese avevano terreni e case di proprietà) oppure forniti direttamente dagli eredi (ciò fu causa di molte liti giudiziarie). I cappellani, inoltre, si occupavano di amministrare i sacramenti in vece del parroco.
I Missari, come dice il dizionario sopra postato, erano i sacerdoti che celebravano le messe, non erano, quindi, legati a una cappella né alla celebrazione dei sacramenti né a un legato testamentario. Di solito erano i preti più giovani.
La memoria è la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite