Foto dei nonni.

Hai una foto? Vuoi identificare una persona? La divisa che indossava? La località dove è stata scattata? Postala in questa sezione.

Moderatori: Staff, Collaboratori

Langhedoc
Livello1
Livello1
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 10 aprile 2020, 15:47
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da Langhedoc »

I miei bisnonni, tornati dall’Argentina aprirono una trattoria nel monregalese verso i primi del ‘900, così tutti i matrimoni dei parenti stretti si celebravano nella vicina chiesa e poi tutti alla trattoria per festeggiare.
Anni dopo due figli scelsero lo stesso giorno per sposarsi e a quanto mi hanno raccontato i discendenti, ci fu una grande mangiata con tante portate di cibo. Antipasti tipici piemontesi, poi agnolotti seguiti da arrosti vari, verdure dell’orto e tanto vino. Tutti furono felici e contenti e visto che davanti c’era una grande aia si misero a cantare e ballare con musica improvvisata per smaltire il cibo. Andarono avanti, si dice, fino a serata inoltrata. Una festa alla buona, di quei tempi.
Erano altri tempi e si divertivano con poco. Qui siamo verso la fine degli anni 20/inizio 30. La cosa più importante era trovarsi tutti insieme. Oggi, come dice giustamente Kaharot, si guarda purtroppo ad altre cose più materiali e si é troppo inclini a criticare.
La trattoria rimase aperta fino intorno il 1975. Il mio bisnonno se ne andò presto ma la bisnonna continuò con l’aiuto di un figlio e della nuora a mandarla avanti. Poi anche lei se ne andò, i tempi stavano cambiando e la trattoria chiuse qualche anno dopo, lasciando dei bei ricordi però. Anch’io mi ricordo, da bambino, che ogni tanto alla domenica, con i miei genitori, partivamo da Torino per andare a passare la giornata in campagna e farsi una bella mangiata.

Langhedoc
Livello1
Livello1
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 10 aprile 2020, 15:47
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da Langhedoc »

Vito ciao, scusa lo so che andiamo un pochino fuori tema ma vorrei chiederti perché dici “ Ti fanno sentire meno "non accettati" “. Hai forse avuto dei sentori che noi che facciamo ricerche dei nostri antenati non siamo, a volte, ben visti? Grazie se mi vorrai rispondere

Vito
Livello2
Livello2
Messaggi: 306
Iscritto il: venerdì 23 luglio 2021, 23:12
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da Vito »

Langhedoc ha scritto:
martedì 23 novembre 2021, 17:49
Vito ciao, scusa lo so che andiamo un pochino fuori tema ma vorrei chiederti perché dici “ Ti fanno sentire meno "non accettati" “. Hai forse avuto dei sentori che noi che facciamo ricerche dei nostri antenati non siamo, a volte, ben visti? Grazie se mi vorrai rispondere
Ciao Langhedoc, grazie per la risposta:
personalmente molte persone sono contrarie alla mia passione e non vogliono che la pratichi, perchè secondo loro questa non è una cosa che fanno i giovani della mia età, quindi molto spesso "la ostacolano". Solo mia nonna è molto felice e sempre vuole sapere novità.
Chiedo comunque pienamente scusa al creatore di questa discussione per non aver incentrato l'argomento per cui è stata creata.

Langhedoc
Livello1
Livello1
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 10 aprile 2020, 15:47
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da Langhedoc »

Grazie Vito. Ma se questa é la tua passione continua tranquillo. Quando si può e sempre senza recare offesa a nessuno, quello che ci rende felici si può anche fare. Non siamo tutti uguali, per fortuna.
Chiedo anch’io venia a EmiliaC per essere usciti un pochino fuori argomento.

Avatar utente
gmoccaldi
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 658
Iscritto il: giovedì 12 agosto 2010, 9:12
Località: Roma
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da gmoccaldi »

ziadani ha scritto:
martedì 23 novembre 2021, 11:21

Mi hai fatto venire in mente che la sorella più vecchia di mio padre, classe 1919, si sposò a Torino appena dopo la Liberazione l'11 giugno 1945 indossando un tailleur grigio ed andò in viaggio di nozze in bicicletta alla Sacra di San Michele ad una quarantina di chilometri da Torino.

Altri tempi.
Gente tosta! Mica una passeggiatina qualsiasi! :D

Avatar utente
ziadani
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 13564
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 20:01
Località: Torino
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da ziadani »

gmoccaldi ha scritto:
mercoledì 24 novembre 2021, 9:06
Gente tosta! Mica una passeggiatina qualsiasi! :D
Oh si! Negli anni della guerra la famiglia di mio padre era sfollata a Monteu Roero i Provincia di Cuneo.
Le due figlie maggiori di 24 e 17 anni venivano ogni giorno a lavorare a Torino, ad una cinquantina di chilometri di distanza.
Avendo il salvacondotto per raggiungere Torino dove, una alla FIAT e l'altra alla Microtecnica, contribuivano allo sforzo bellico, fungevano da staffette o porta-ordini per la Resistenza nascondendo i dispacci nei tubi delle biciclette.

Cosa ne sappiamo noi di quello che hanno passato i nostri vecchi?
Daniela<Liliana 1926<Emmelina 1896<Emma 1862<Elisabetta 1820<Giacomina 1798<Santa 1761<Giacomina 1737<Cecilia 1710

cannella55
Esperto
Esperto
Messaggi: 2342
Iscritto il: martedì 18 settembre 2007, 12:04
Località: Genova-Strevi
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da cannella55 »

Che coraggio!
Non ci possiamo nemmeno immaginare la vita dei nostri cari.
Mia mamma andava a scuola in bicicletta con la neve, la pioggia e una strada, che non era asfaltata, ai tempi.
Per scaldarsi le mani, la nonna le dava un mattone fatto arroventare sulla stufa e messo in un involto.
Doveva stare attenta anche a non cadere perchè la presa non era delle più sicure.
In casa non c'era l'acqua e al mattino, nel catino c'era il ghiaccio:lo rompeva e si lavava....
Quando me lo raccontava, mi sembrava inverosimile, ma è un pò quello, che succede quando parlo ai miei figli della mia giovinezza, ovviamente, con le dovute differenze, si sa!!

Kaharot
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2796
Iscritto il: domenica 24 giugno 2012, 16:23
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da Kaharot »

cannella55 ha scritto:
mercoledì 24 novembre 2021, 9:42
Non ci possiamo nemmeno immaginare la vita dei nostri cari.
Il problema delle nuove generazioni è proprio la lontananza temporale dai giorni di sofferenza che vissero un po' tutti i nostri cari in anni non poi così lontani. I giovani di oggi non ne sentono più parlare, i dolori e le privazioni delle guerre sono ormai soltanto qualche rigo da studiare su un libro di storia o, peggio, un film da guardare alla tv, magari sbadigliando mentre si chatta sul cellulare.
Io ricordo con profonda commozione i racconti dei miei nonni, che hanno vissuto infanzia e giovinezza a cavallo delle due guerre, tempi molto difficili, in cui hanno provato la fame e le umiliazioni. Fra l'altro i miei nonni materni erano anche orfani, nonno del papà e nonna della mamma, per cui si può immaginare questi ragazzini che dovevano anche supplire a questa mancanza come potevano. Mio nonno lavorava già a 8 anni, si mise anche in serio pericolo verso i 16 anni, quando, a sua insaputa, volevano sacrificarlo per ottenere da uno spirito l'indicazione su dove si trovasse un certo tesoretto nascosto (sembrano barzellette ma erano cose reali!). Mia nonna, dopo la morte della mamma e con il padre in guerra, andava a svolgere lavori di casa o a lavare il bucato al fiume per qualche donna più anziana, pur di portare qualcosa in casa, dove c'erano altre tre sorelline. E questo solo per far riferimento all'epoca pre-matrimonio.
Io, che sono stato attento ascoltatore di tutti questi racconti, li ho scritti perché possano rimanere come memoria per il futuro, per essere certo che vengano conservati con qualche cura in più, ho stampato e fatto rilegare due libretti, in cui racconto la vita dei miei nonni, è un modo per consegnare ai posteri una memoria che certamente morirà con me.
Penso che, prima o poi, ci sarà qualcun altro che avrà interesse alla storia della nostra famiglia, ma non so se questo avverrà in tempi brevi, per cui potrò io stesso raccontarlo, o quando io non ci sarò più, in quel caso i due libretti suppliranno.
Magari qualcuno l'avesse fatto nel passato!
La memoria è la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.

Avatar utente
EmiliaC
Livello1
Livello1
Messaggi: 101
Iscritto il: lunedì 6 febbraio 2017, 19:14
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da EmiliaC »

Vito ha scritto:
lunedì 22 novembre 2021, 22:10
Personalmente a me quello sembra una abito nero a lutto, anche tutte le mie antenate, nelle foto che ho, sono vestite nere.
Il marito a me sembra molto adulto, tipo sui 50 anni, non vorrei sbagliare. Di che anno era?
Comunque queste sito per me è il più bello di tutto il mondo!
Non conosco l'anno della foto. Era la mia domanda iniziale. Volevo datare la foto guardando i vestiti.
Dei nonni so che si sono sposati nel 1915, un mese prima che lui partisse per la guerra. Avevano 29 e 27 anni. Lei, Emilia, aveva perso la madre pochi mesi prima del matrimonio. Però lui era stato chiamato alle armi e quindi il matrimonio è stato celebrato comunque. La foto può essere stata scattata in quella occasione. Non tanto oltre. Emilia muore a 44 anni.
E' un peccato che qualcuno, in passato, abbia ritagliato il viso della nonna. Era l'unica foto esistente di marito e moglie insieme.

Hai ragione sul sito! E' molto interessante e coinvolgente. E di questo bisogna ringraziare amministratori e frequentatori. Anche per il tono delle domande e delle risposte :applaud: :applaud:

cannella55
Esperto
Esperto
Messaggi: 2342
Iscritto il: martedì 18 settembre 2007, 12:04
Località: Genova-Strevi
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da cannella55 »

La foto è stata usata per la lapide?

Avatar utente
EmiliaC
Livello1
Livello1
Messaggi: 101
Iscritto il: lunedì 6 febbraio 2017, 19:14
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da EmiliaC »

cannella55 ha scritto:
giovedì 25 novembre 2021, 10:05
La foto è stata usata per la lapide?
Ahimè no!
Io sospetto fortemente sia stata ritaglia dalla figlia suora che ha fatto lo stesso per un'altra foto di famiglia. In quel caso abbiamo trovato il "tondino" del viso ma non il resto della foto! :)

Avatar utente
EmiliaC
Livello1
Livello1
Messaggi: 101
Iscritto il: lunedì 6 febbraio 2017, 19:14
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da EmiliaC »

Langhedoc ha scritto:
martedì 23 novembre 2021, 18:47
Grazie Vito. Ma se questa é la tua passione continua tranquillo. Quando si può e sempre senza recare offesa a nessuno, quello che ci rende felici si può anche fare. Non siamo tutti uguali, per fortuna.
Chiedo anch’io venia a EmiliaC per essere usciti un pochino fuori argomento.
Ma che venia! E che fuori argomento! Tutto molto interessante1 :)
Vito, continua così! Io da quando ho iniziato sono guardata da tutti come una "pazza" a cui interessano più i morti che i vivi.
Però tiro dritto. Le passioni bisogna coltivarle altrimenti si muore dentro. Soprattutto in questi tempi difficili!

Avatar utente
niko29
Livello1
Livello1
Messaggi: 79
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2020, 16:42
Località: Milano
Contatta:

Re: Foto dei nonni.

Messaggio da niko29 »

Probabilmente, considerando che la foto è stata ritagliata con cura, è stata usata per inserirla in un ciondolo con vetro trasparente da tenere al collo dopo la morte della stessa.
Mi fa sorridere il ricordo di mia nonna che quando avevo circa dodici anni venne a trovarci e, tra le altre cose, mi diede un ciondolo con due vetri dove pretendeva che inserissi la foto di mia mamma (viva e vegeta). Lo conservo con tenerezza, anche se al momento aveva scatenato la mia ilarità. :lol:
Probabilmente lo aveva usato lei quando aveva perso suo padre a 6 anni.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti