Ricerca famiglia Allavena

Postate qui le vostre richieste d’aiuto, chiarimenti o informazioni per le proprie ricerche genealogiche. Tutti sono invitati a dare il loro contributo.

Moderatori: mmogno, Staff, Collaboratori

allavena
Livello1
Livello1
Messaggi: 28
Iscritto il: giovedì 30 aprile 2009, 16:53
Contatta:

Ricerca famiglia Allavena

Messaggio da allavena »

Un saluto a tutti gli iscritti!
Mi chiamo Alessandro Allavena, ho intrapreso la mia ricerca per ricostruire il mio albero genealogico. Complimenti per il sito, mi è stato di grandissimo aiuto!
L'altro ieri sono stato a Bordighera; dopo avere più volte contattato il parroco ed essere stato lasciato in attesa per diversi mesi finalmente hanno acconsentito a farmi sfogliare i registri parrocchiali. E' stata una grande emozione, i registri andavano indietro fino al 1500 !!
Purtroppo la ricerca non è stata facile, anche perchè i registri antecedenti al 1800 erano veramente difficili da decifrare...
Ho avuto parzialmente successo, sono riuscito ad andare a ritroso fino al 1758.
La cosa strana è che mentre nei registri dell'800 il mio cognome compariva spesso, in quelli del '700 era molto raro.
Vi chiedo un parere: è possibile che la mia famiglia sia arrivata al comune di Bordighera verso metà settecento magari da un comune nelle vicinanze? In questo caso dovrei chiedere ad una parrocchia di un comune limitrofo?
Un'altra domanda: appena arrivato mi è stato detto che non era possibile fare foto, disposizioni della curia...eppure ho visto che nel forum alcune foto sono pubblicate. Significa che ogni curia ha regole diverse? C'è un modo per avere delle immagini degli atti che ho trovato nei registri? Ho il sospetto che sarà una questione di soldini...
Ancora complimenti per il sito!

Avatar utente
viviesse
Livello6
Livello6
Messaggi: 1404
Iscritto il: venerdì 25 gennaio 2008, 23:51
Località: Riviera del Brenta
Contatta:

.

Messaggio da viviesse »

Buona sera, Alessandro, e benvenuto.
Per ordine:

Sei fortunato perchè hai accesso a registri del 1500! (1 su mille come te?);

Puo' succedere che un cognome inizialmente compaia poco per poi esplodere pochi anni dopo: ti faccio un esempio. Il mio cognome fino al 1797 compare con il contagocce. In quell'anno si sposa l'unico portatore del cognome esistente e nell'arco di ben 23 anni ha tre figli. Questi tre figli, a loro volta, procreano, 13, 11 e 5 figli rispettivamente. Ti posso assicurare che dal 1825 al 1861 è tutto un florilegio di atti di battesimo, morte, cresime e matrimonio. Non ti dico poi cosa è successo intorno al 1880. Nel mio caso, quindi, non c'è nessuna emigrazione-immigrazione a falsare la frequenza degli atti;
non ti posso però assicurare che la cosa per te abbia funzionato nello stesso modo. La mia è una testimonianza;

Per rispondere alla tua ultima domanda:
il tuo sospetto sui soldini è fondato. Però ho imparato a mie spese che ci sono parroci e parroci. Qualcuno lascia fare tutto, qualcuno vieta tutto, qualcuno permette le ricerche se fatte da una persona di fiducia, qualcuno si trincera dietro alle disposizioni della Curia per toglierti dalle scatole. Più di qualcuno, ma non tutti, è sensibile ai soldini.
Come vedi, e vedrai tu stesso, i problemi sono diversi a seconda del parroco che trovi.

Ti faccio i miei auguri.
Viviesse

sofet1
Livello1
Livello1
Messaggi: 145
Iscritto il: giovedì 4 settembre 2008, 16:56
Contatta:

Messaggio da sofet1 »

Per viviesse: certo che è curioso che il tuo cognome fino al 1797 sia con il contagocce. Intendo dire: i cognomi nascono attorno al 1300-1400 per quanto riguarda le persone comuni e che a fine 1700 il tuo cognome sia ancora raro è strano. Dimmi se ho capito bene. Ti sei chiesto il perchè? che spiegazioni ti sei dato? E' una curiosità la mia ma credo che capire meglio quello che intendi possa essermi utile.
Grazie

Avatar utente
viviesse
Livello6
Livello6
Messaggi: 1404
Iscritto il: venerdì 25 gennaio 2008, 23:51
Località: Riviera del Brenta
Contatta:

.

Messaggio da viviesse »

sofet1 ha scritto:Per viviesse: certo che è curioso che il tuo cognome fino al 1797 sia con il contagocce. Intendo dire: i cognomi nascono attorno al 1300-1400 per quanto riguarda le persone comuni e che a fine 1700 il tuo cognome sia ancora raro è strano. Dimmi se ho capito bene. Ti sei chiesto il perchè? che spiegazioni ti sei dato? E' una curiosità la mia ma credo che capire meglio quello che intendi possa essermi utile.
Grazie
I registri della mia parrocchia partono dal 1661 (fine) e già dopo qualche mese vi compare il matrimonio di un mio antenato. O almeno spero che sia stato un mio antenato. Non so dirti la provenienza del cognome prima di quella data, né ho avuto accessi ad archivi con fondi anteriori (es. A.S.). Certo è che, nei paesini limitrofi, ci sono rarissime e occasionali ricorrenze del cognome nello stesso periodo. Tale fatto mi fa ritenere che il ceppo (piccolo, ma composto di 2-3 famiglie) fosse, almeno a partire dal 1661 meglio insediato nel mio paese di nascita, e le eccezioni dovevano riferirsi a fatti contingenti. Esempio, abitare presso la moglie per i primi tempi, o sconfinamenti legati ad esigenze di lavoro (acquisizione di piccole proprietà terriere in paesi limitrofi, mentre la principale proprietà rimaneva nel mio paese).

Pur non avendo potuto battere a tappeto i registri (infatti mi manca la continuità dell'albero dal 1661 fino al 1750), le registrazioni che compaiono in quel periodo sono rare e riferibili, a non piu' di 2-3 nuclei coevi e sicuramente imparentati.
Tieni presente che il paesino aveva in quel periodo una popolazione stimata di 300-400 persone e, nonostante l'alto tasso di natalità, la mortalità infantile quasi pareggiava i nati. Io sono nato in un paesino che sfiora la laguna di Venezia e a quel tempo la Malaria, la Peste, il Colera, le Carestie e chissà cos'altro non permettevano la crescita della popolazione.Quindi, poche persone arrivavano al matrimonio, e quelle che vi arrivavano mettevano al mondo 5-6-7 (?) figli e ne sopravvivevano 1-2-3 (?) e quanti di questi erano femmine non portatrici del cognome?
Probabilmente la metà. Ecco perchè, ritengo che i miei antenati che hanno attraversato il '6-'700 siano stati veramente pochi.

Poi, con l' '800, con le Riforme di Napoleone prima, dell'Austria poi, l'assetto delle campagne, la mezzadria, hanno permesso il miglioramento delle condizioni igieniche ed economiche della popolazione, Da qui in poi la crescita demografica che migliorera' ulteriormente in tutto il '900, guerre a parte, e che ora si sta ricontraendo per la paura di perdere le posizioni acquisite. Ma questo è un altro discorso.
Più chiaro, ora?
Ciao.
viviesse
p.s. anche adesso quelli che portano il mio cognome non sono molti: viventi, tra maschi e femmine, tra Veneto (98%), Trentino, Val D'aosta, Toscana e Lazio, 53 persone. Potrebbe sfuggirmi il figlio di qualche cugino di 4° grado, ma non credo.

sofet1
Livello1
Livello1
Messaggi: 145
Iscritto il: giovedì 4 settembre 2008, 16:56
Contatta:

Messaggio da sofet1 »

Grazie per la risposta. Beh è una fortuna da un certo punto di vista avere un cognome non così comune. I miei antenati invece non sono stati fermi in un certo posto..si spostavano spesso..sembra che lo facessero apposta :-) ...

Ciao
sofet

Avatar utente
viviesse
Livello6
Livello6
Messaggi: 1404
Iscritto il: venerdì 25 gennaio 2008, 23:51
Località: Riviera del Brenta
Contatta:

Messaggio da viviesse »

Sono fortunato di non chiamarmi Rossi, però, per come sono fatto, mi secco molto quando non trovo i particolari che vorrei. I l mio albero pero' comprende anche i collaterali e gli affini, percio' hai voglia di aver finito. Per il momento sono a 780 individui, ma in continua crescita, anche se mi dedico non continuativamente alla ricerca, peraltro fatta più a tavolino che girando per archivi. In questo devo ringraziare in modo particolare un collega ?, omologo ? coappassionato ?, insomma un matto come noi. :crazy:
Ciao conterraneao.
viviesse

sofet1
Livello1
Livello1
Messaggi: 145
Iscritto il: giovedì 4 settembre 2008, 16:56
Contatta:

Messaggio da sofet1 »

780? un bel numero! Io ho tralasciato gli affini per ora ma poi si vedrà...
Ciao!
sofet

Jack_Burton
Esperto
Esperto
Messaggi: 2066
Iscritto il: lunedì 1 gennaio 2007, 22:41
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da Jack_Burton »

Per quanto riguarda i "soldini", io solitamente lascio una offerta abbastanza "consistente", in fondo credo sia giusto e rende tutti piu' di buon umore, nonn so se mi spiego.
Se ti dimostri gentile e disponibile non mi stupirebbe se tra un po' di visite ti permettano di fotografare.
Dove ormai sono conosciuto (e stimato) mi lasciano praticamente da solo in archivio.

Jack
La vita va vissuta in avanti, ma capita all'indietro.
Vuoti del nostro passato siamo persi. (F.B.)

Avatar utente
viviesse
Livello6
Livello6
Messaggi: 1404
Iscritto il: venerdì 25 gennaio 2008, 23:51
Località: Riviera del Brenta
Contatta:

Messaggio da viviesse »

Jack_Burton ha scritto:Per quanto riguarda i "soldini", io solitamente lascio una offerta abbastanza "consistente", in fondo credo sia giusto e rende tutti piu' di buon umore, nonn so se mi spiego.
Se ti dimostri gentile e disponibile non mi stupirebbe se tra un po' di visite ti permettano di fotografare.
Dove ormai sono conosciuto (e stimato) mi lasciano praticamente da solo in archivio.

Jack
I soldini, come cavallo di Troia, sono sempre una valida strategia.

allavena
Livello1
Livello1
Messaggi: 28
Iscritto il: giovedì 30 aprile 2009, 16:53
Contatta:

Messaggio da allavena »

Sono ancora in attesa di fissare un secondo appuntamento per la consultazione degli atti di matrimonio, pensavo di ricavare altre informazioni da lì...
Nel frattempo mi ponevo una domanda, mi scuso in anticipo nel caso fosse già stata fatta ma ho cercato nel forum e non l'ho trovata.
Negli atti di battesimo che ho consultato compariva spesso la dicitura "luce angeli" o "lucas angeli". E' trascrizione in latino di un nome proprio oppure fa parte di una formula usata per registrare l'atto?
Perdonatemi ma a latino sono messo maluccio.

Vincimanno
Livello4
Livello4
Messaggi: 847
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 15:51
Località: bologna
Contatta:

Messaggio da Vincimanno »

Prova a proporci il contesto completo di quel Luca Angeli, magari è solo il nome del parroco di quel periodo che parla in prima persona.
Almeno io ho trovato sempre così:
"Ego Nome e Cognome, curatus (o parochus) ecclesiae ecc. ecc. baptizavi infantem natum o natam ecc. ecc."
e così per decine e decine di trascrizioni si trova ripetuto il nome del parroco.
NicolòRoberto1992 <Roberto1957 <Mario1919 <Nino1883 <Alfonso1839 <Nicola1808 <Nicola1766 <Pasquale1733 <Carmine1691 <Domenico1643 <JohannesPetrus1613 <Pompeius1570c. <JohannesPetrus1545c.<Gabriel1510c. <Johannes1475c.<Valens1435

mattmar
Esperto
Esperto
Messaggi: 1624
Iscritto il: lunedì 12 febbraio 2007, 12:30
Località: Venezia
Contatta:

Messaggio da mattmar »

viviesse ha scritto:In questo devo ringraziare in modo particolare un collega ?, omologo ? coappassionato ?, insomma un matto come noi. :crazy:
Ciao conterraneao.
viviesse
Praticamente sono quello che fa il lavoro sporco....e qualcuno deve pur farlo, no? 8) 8) 8) :wink:

octopus
Livello2
Livello2
Messaggi: 484
Iscritto il: domenica 2 novembre 2008, 16:34
Località: Roma, Ponente Ligure
Contatta:

Messaggio da octopus »

Ciao Allavena, forse ti so spiegare il motivo del tuo cognome e l'origine da bordighera. conosco abbastanza bene l'onomastica di quella zona. fammi domande precise e vediamo se ti posso rispondere. un saluto.

allavena
Livello1
Livello1
Messaggi: 28
Iscritto il: giovedì 30 aprile 2009, 16:53
Contatta:

Messaggio da allavena »

Ciao octopus, scusa il ritardo ma pensavo non ci fossero più interventi su questa discussione (e mi sono accorto solo ora dell'opzione "Avvisami quando viene inviata una risposta"). :oops:
Ti posso dire che dopo l'ultima consultazione , che mi ha permesso di recuperare informazioni anche dai registri di matrimonio e di morte, mi sono accorto purtroppo di avere preso in considerazione un atto di battesimo errato, purtroppo per un caso di omonimia, che nella zona mi è parso fossero abbastanza frequenti.
Mi spiego meglio: avevo trovato in prima battuta l'atto di nascita di Bernardo Allavena, datato 26/12/1786. In un successivo viaggio, sul registro dei decessi ho trovato l'atto di morte di Bernardo, questo sicuramente più attendibile, essendo il documento più recente, datato 23/12/1862 con riportata l'età del defunto: anni 82. Ora, se la matematica non è un'opinione, Bernardo dovrebbe essere nato nel 1780, quindi devo rivedere la mia ricerca e sto aspettando che il parroco di Bordighera consulti per me il registro di quell'anno.
So per certo che il padre di Bernardo si chiamasse Emmanuelle, ma a questo punto non sono sicuro di aver trovato anche di questo antenato il giusto certificato, essendomi basato sul Bernardo dell'omonimia.
In ogni caso rimane il fatto che prima del 1750 circa il cognome Allavena diventa davvero sporadico. Non appena avrò dei dati più certi prenderò appuntamento con l'archivio di stato del comune di Ventimiglia, dove spero di trovare qualche atto che mi indirizzi -chissà- verso qualche altro comune della zona.
Scusa se sono stato un po' prolisso! Sai dirmi qualcosa di più sul mio cognome? Che tipo di domande posso farti? Grazie per l'interessamento!

Avatar utente
Luca.p
Staff
Staff
Messaggi: 7788
Iscritto il: domenica 13 novembre 2005, 20:14
Località: Terni
Contatta:

Messaggio da Luca.p »

allavena ha scritto:...Ora, se la matematica non è un'opinione...
La matematica no, quello che veniva scritto nei registri riguardo alle età si!
Fai bene ad approfondire le tue ricerche, ma non mi meraviglierei se il Bernardo da te trovato la prima volta si rivelasse, alla fine, il tuo vero antenato.
Buon lavoro.

Luca

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti