Significato nel passato di rinsceminire o divenire scemo

Postate qui le vostre richieste d’aiuto, chiarimenti o informazioni per le proprie ricerche genealogiche. Tutti sono invitati a dare il loro contributo.

Moderatori: mmogno, Staff, Collaboratori

Rispondi
Bauuga
Livello1
Livello1
Messaggi: 3
Iscritto il: domenica 29 dicembre 2019, 11:37
Località: San Martino in Rio R.E.
Contatta:

Significato nel passato di rinsceminire o divenire scemo

Messaggio da Bauuga »

Ciao, Sapete indicarmi per Francesco Filippo d'Este nato nel 1673 il significato di "rinscemonito" o in altri testi "divenuto scemo" definiti solo nel 1715 (da C. Donati e C. Cottafavi). So che c'era una fragilità strutturale dall'origine infatti fu battezzato per 3 volte nel giro di un qanno di cui la prima volta dalla levatrice. Non sappiamo altro poi se non:Francesco Filippo d’Este, divenuto adulto, ebbe il titolo di Marchese di San Giuliano che non corrisponde a nessun possefimento di quegli Este. Ho pensato fosse un titolo di cortesia è possibile ? ( Parlo di San Martino in Rio R.E.)trascorse buona parte della sua vita a Corteolona di Pavia possedimento degli Este di San Martino in Rio. Cottafavi scrive: "Il primogenito di Sigismondo III divenuto scemo ed aggravato da mille molestie,si era reso incapace di reggere il feudo: la sua posizione egli se la aggravò anche sempre più con una vita scorretta e punto morale”. Questa condizione di vita era probabilmente riferita al fatto che Francesco Filippo “dimorava sempre con la sua donna Luigia Sorbellini a Cortelona” (C. Cottafavi, San Martino in Rio - Ricerche storiche Atesa Editrice 1885 pag. 115). Infine nel 1720 il padre riuscì a fargli firmare la rinuncia alla primogenitura in favore del fratello.Il rinscemonimento citato credete fosseindice di una malattia psichiatrica, depressiva, immorale ? come definirla? :crazy: Grazie! Tere

Kaharot
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2487
Iscritto il: domenica 24 giugno 2012, 16:23
Contatta:

Re: Significato nel passato di rinsceminire o divenire scemo

Messaggio da Kaharot »

Non conosco la questione nello specifico e, per il poco tempo che ho, ti rispondo solo a una cosa. E' impossibile che sia stato battezzato 3 volte, perché il battesimo è soltanto uno, ovvero quello fatto dalla levatrice appena nato, successivamente il sacerdote avrà celebrato i riti esplicativi o, al massimo, un battesimo sub condicione (se non era sicuro che quello della levatrice fosse stato amministrato bene). Il terzo non ho idea di cosa fosse, bisognerebbe consultare i documenti, ma sicuramente non si tratta di tre battesimi.
La memoria è la porta indispensabile per entrare nel futuro!
K.

Avatar utente
ery1
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2583
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2011, 18:24
Contatta:

Re: Significato nel passato di rinsceminire o divenire scemo

Messaggio da ery1 »

Buonasera,
per quanto riguarda la definizione di "scemo" nel passato, sull'Enciclopedia dantesca ad esempio ho trovato questo :

"Allude a difetto, insufficienza, manchevolezza anche quando si passa alla sfera delle esperienze morali o concettuali".

http://www.treccani.it/enciclopedia/sce ... ntesca%29/
Erica

cannella55
Livello5
Livello5
Messaggi: 1196
Iscritto il: martedì 18 settembre 2007, 12:04
Contatta:

Re: Significato nel passato di rinsceminire o divenire scemo

Messaggio da cannella55 »

Secondo la Treccani "scemo" può avere oltre al significato di "mancante e privo", anche quello di "stupido, sciocco, di scarsa intelligenza".
Se Francesco Filippo d'Este condusse anche una vita immorale ed in compagnia della sua donna, può essere ipotizzabile, che non fosse senza senno, ossia scemunito, ma solo scomodo per la reggenza del feudo.
Si dice fu oppresso da mille molestie, che può significare tutto e niente e poi i resoconti storici non vanno sempre presi come verità assoluta...

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti